mercoledì 30 luglio 2014

Sex sells

Il sesso vende. A onor di cronaca devo prendere atto di questa cosa, e rassegnarmi al fatto che per la categoria in cui pubblico, quella dei romanzi rosa, adesso è il momento del sesso sfrenato.
Io non faccio parte di quelle aurtici che basano il loro romanzo sull'amplesso, motivo per cui, ciò che scrivo, almeno attualmente, non attira così tanto l'attenzione.
Un pò come quando andavano di moda le scarpe con la zeppa e io indossavo i Doctor Marteens: ero la sfigata di turno, con gli stivali da militare.
Anno 2014: i Doc. Marteens le trovi in versione mignon, anche nel reparto 0-36 mesi, per un bambino che vuole essere à la page anche all'asilo.
Ecco, oggi i romanzi a sfondo erotico (per non dire primo piano erotico), sono le scarpe con la zeppa: tutte ne parlano, tutte li leggono, tutte li cercano, tutte li vogliono, anche se tra loro sono irrimediabilmente uguali.
Lo so che passerò per polemica, ma non posso non sottolineare l'ovvio: entrari in libreria e vederi pareti tappezzate di romanzi rosso fuoco (non rosa), dalle trame tutte uguali, scritti sulla scia delle "cinquanta sfumature..."
Chi è senza peccato scagli la prima pietra, e io non lo sono. Anche io ho letto "50 sfumature di grigio", masono anche andata oltre, ho letto anche gialli, romanzi drannatici, vecchi classici e saggistica, non mi sono fossilizzata sul genere come se la mia vita fosse cambiata . . . e invece
Invece non pensavo che questa cosa si sarebbe trasformata in un'epidemia tipo la peste del 1666. Coloro che hanno letto "50 sfumature..." ora sembra che cerchino unicamente romanzi erotici, che vogliano leggere di amplessi e basta. Tutto il resto è noioso, non da emozioni, è banale.
Me ne devo fare una ragione: sex sells.
Ora è il momento delle scarpe con la zeppa, ma la moda è un ciclo e prima o poi torneranno di moda anche i miei stivali.

Nessun commento:

Posta un commento