lunedì 26 giugno 2017

WE WANT SEX!

Il film del 2010 di Nigel Cole prende il titolo dallo striscione che le manifestanti della "Ford-macchine da cucire" innalzavano per protestare contro la disparità di trattamento tra operai uomini e donne.
Lo striscione riportava "We want sex equality", ma l'angolo piegato nascondeva la parola "Equality", suscitando l'ilarità del mondo davanti a un gruppo di donne che dichiarava "Vogliamo sesso".
E io dico: PERCHE' NO? SOLO GLI UOMINI POSSONO AVERE VOGLIA DI SESSO?
La diseguaglianza tra uomini e donne è anche in questo.
Oggi mi sento la Giovanna D'Arco dei poveri e ho deciso di sporcarmi le mani esponendo una teoria che ho elaborato in questi anni.
Ho già scritto un post nel quale riflettevo sul peso del sesso nei romanzi rosa, ma in questo caso chiamo a raccolta lettrici, autrici e supporters dei romanzi erotici.


Le donne leggono romanzi erotici, sì e anche tanti, basti entrare in una qualsiasi libreria per trovare un vasto corner fornito di libri dalla copertina nera o rossa (per lo più) e dai titoli ammiccanti.
La legge del mercato parla chiaro: se c'è un'offerta è perché c'è la domanda.
I maggiori detrattori del genere sono, neanche a dirlo, gli uomini, che additano le lettrici di erotici come delle frustrate, annoiate, mortedic---o, facendole quasi sentire in colpa ogni volta che le squadrano vedendole prendere in mano Cinquanta sfumature di grigio e simili. Alla faccia della par condicio.
Sembra che alle donne non sia concesso di fantasticare. Sarà che ai tempi (moderni) del Malleus Maleficarum una donna che provava piacere dall'atto sessuale era inconfutabilmente una strega, quindi ROGO!

E' il 2017 ma è ancora così.
Ricordo un giorno che mi trovavo al centro commerciale, nel corner libri, dove i generi sono tutti un po' ammucchiati sullo stesso espositore. C'eravamo io, una signora sui cinquanta e un uomo di mezza età, in completo da ufficio. Lui scorreva i titoli storici e qualche giallo, io e la signora bazzicavamo tra le pile della narrativa impegnata. Appena se n'è andato, come se ci fossimo capite per telepatia, ci siamo fiondate sulla catasta degli erotici per curiosare le novità. Non la conoscevo ma nello sguardo che ci siamo scambiate c'era tutto: intesa, comprensione, libertà. Non ci saremmo giudicate.


Nessun uomo è mai stato messo alla gogna per aver comprato Playboy, il calendario della Canalis, guardato gli spot a luci rosse che vanno in onda sulle reti regionali dopo l'una di notte, o navigare su YouPorn, PornHub, HamsterX eccetera (mi sono documentata XD). Anzi! La società sollecita e incoraggia i maschi a dare sfoggio della loro virilità, a solleticare la propria fantasia, a esercitare l'autoerotismo quasi fosse un hobby comparabile al bricolage. Tutto normale.
Ma se lo fa una donna? Una moglie? Una madre? VERGOGNA!
Sì, sto per farlo... sto per dare la colpa alla SOCIETA'!!! (Che cliché, eh?)
La società non perdona quella sfacciata poco di buono che compra il calendario di Gabriel Garko, si volta per guardare il sedere di un bell'uomo che ha incrociato per strada, o noleggia un DVD del Rocco nazionale. Certo, sei libera di farlo, ma la morale non te lo concede né te lo perdona e in un attimo ti ritrovi l'etichetta di viziosa incollata addosso.
Non facciamo finta che sei stagioni e due film di Sex & The City abbiano cambiato le cose: lo stesso Chris Noth, meglio noto come Mr. Big, in un intervista disse che Carrie era una puttana perchè aveva avuto troppi ragazzi. Da che pulpito...
Quindi, in una società che concede tutto agli uomini, ma che vuole ancora credere nelle donne-madonne (che partoriscono da vergini), arrivano i romanzi erotici a rendere giustizia a questo doppio standard fin troppo sbilanciato a favore dei maschi.
Gli uomini hanno YouPorn, le donne hanno i romanzi erotici.
Sono libri che fanno presa sulla fantasia femminile con protagonisti generosi, dotati, altruisti e creativi, possono scatenare eccitazione, ma c'è qualcosa di male?
No, io non credo, anzi, se un romanzo erotico non fa sentire almeno un po' di formicolio alla lettrice, allora vuol dire che è scritto male.
Un romanzo erotico funziona quando non lo vuoi chiudere perché vuoi arrivare in fondo alla scena bollente; funziona quando, mentre lo leggi, continui a cambiare posizione e a muovere le gambe; funziona quando è il sedici dicembre ma senti caldo come se fosse luglio; funziona quando ti senti la bocca secca e ti è impossibile deglutire, funziona quando ti vengono gli occhi lucidi...
Poi, siamo sinceri, trattandosi di romanzi, di solito contengono una storia che coinvolge l'interesse della lettrice anche aldilà degli atti sessuali esplicitamente descritti (cosa che non si può dire dei video porno), con anche un coinvolgimento intellettivo e emotivo.
Insomma, tutto questo per dire che uomini e donne hanno gli stessi bisogni, sono solo diversi i modi di soddisfarli, ma i romanzi erotici segnano un punto decisivo nel bilancio generale.
Anche se io non scrivo romanzi erotici, li sostengo e sono pienamente a favore perché rappresentano un progresso nella lotta per la parità dei sessi che ancora si fatica a conquistare.
Così è deciso, l'udienza è tolta.

1 commento: